capriccincucina

Banana Bread lover

img_20180311_134509.jpgA casa mia quando le banane diventano tigrate, nere e troppo morbide per essere mangiate scatta un solo pensiero: preparare un Banana Bread.

Questo dolce di origine americana mi ha davvero conquistato sia per il suo sapore dolce e particolare sia per il suo profumo inebriante che riempie la cucina ogni volta che lo preparo. A casa mia poi è molto apprezzato, soprattutto dal mio bambino più grande, Andrea, che mi dà sempre molta soddisfazione in cucina perché a lui piace sperimentare nuovi sapori e proprio il Banana Bread è diventato uno dei suoi dolci preferiti.

Per chi non lo conoscesse, in fondo il banana bread è un plumcake alla banana, soffice, profumato e goloso, il dolce perfetto per la colazione o per un brunch domenicale.

Ma veniamo alla parte importante, come si prepara? Diciamo che esiste una ricetta base che prevede banane, zucchero, burro in buone quantità, farina, lievito a cui si possono aggiungere degli ingredienti a piacere come noci, cannella e gocce di cioccolato fondente.

A me, però, piace sempre prendere una ricetta e variarla. Mi diverto a combinare farine, sostituire ingredienti, provare accostamenti nuovi e allora ecco qui la mia combinazione:

3 banane mature
succo di limone
180 gr. farina di tipo 2
70 gr. farina di grano saraceno
50 gr. farina di riso
1/2 bustina di lievito per dolci
2 uova
80 gr. zucchero di canna
150 ml latte senza lattosio
60 gr. olio di mais
cannella a piacere (io la adoro)
gocce di cioccolato q.b.

Procedimento:
preriscaldare il forno statico a 180°.
In una ciotola tagliare le banane a rondelle e irrorarle con il succo di limone per evitare che diventino nere. In una terrina unire le farine con il lievito, poi lo zucchero, mescolare e aromatizzare con cannella. Unire le uova, l’olio e il latte. Infine aggiungere le banane e le gocce di cioccolato. Mescolare tutto per bene e trasferire il composto in una teglia da plumcake foderata con carta forno.

Infornare per circa 40 minuti ma fare sempre la prova dello stecchino per assicurarsi che l’impasto all’interno sia cotto.

IMG_20180311_134802.jpg

Per quanto riguarda le farine uso ormai quasi sempre quella di grano di tipo 2, meno raffinata di quella 00; non amo molto la farina di grano saraceno, ha un sapore un po’ troppo forte e deciso ma mi piace usarla insieme a quella di grano per diminuire la quantità di glutine del composto. Per aggiungere morbidezza alla preparazione aggiungo spesso un po’ di farina di riso.
Uso solo zucchero di canna ma ne diminuisco sempre le quantità rispetto alle ricette originali anche per non abituare i miei bambini a gusti troppo dolci e poi a volte sostituisco il burro con l’olio di mais. Non sono contraria al burro ma, visto che preparo spesso dolci, cerco di non usarlo sempre.

Sperimentare mi piace sempre molto anche se, a volte, improvviso tanto e mi dimentico di segnarmi la ricette . Ma questa poi è la scusa per ricominciare daccapo!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...